Regole del Padel

REGOLE DEL PADDLE

(1) edizione 2011 (A.U. n.1/2 gennaio – febbraio 2014)

INDICE

Premessa pag. 2

Titolo I – L’impianto

A) – Il campo “ 3

B) – La rete “ 4

C) – Le recinzioni “ 6

D) – La superficie “ 9

E) – Gli accessi “ 9

F) – Zona di sicurezza e gioco all’esterno “ 11

G) – L’illuminazione “ 11

H) – L’orientamento “ 12

Titolo II – L’attrezzatura

I) – La palla “ 13

L) – La racchetta “ 13

Titolo III – Il gioco

Regola 1 - Punteggio “ 15

Regola 2 – I tempi “ 16

Regola 3 – Posizione dei giocatori “ 18

Regola 4 – Scelta del lato del campo e della battuta “ 18

Regola 5 – Cambio del lato del campo “ 18

Regola 6 – La battuta “ 19

Regola 7 – Fallo di battuta “ 20

Regola 8 – La ribattuta “ 20

Regola 9 – Ripetizione della battuta o battuta nulla “ 21

Regola 10 – Ripetizione di un punto o colpo nullo “ 22

Regola 11 – Colpo disturbato “ 22

Regola 12 – Palla in gioco “ 22

Regola 13 – Punto perso “ 23

Regola 14 – Risposta buona “ 24

Regola 15 – Punto assegnato “ 25

( 1 ) approvate dall’Assemblea generale di Calgary (Canada) del 26 agosto 2008, modificate dall’assemblea generale di Sevilla (España) del 15 ottobre 2009, con decorrenza dal 1° gennaio 2010, e da quella di riviera Maya del 30 novembre 2010, con decorrrenza dal 1° gennaio 2011

2

Regola 16 – Gioco autorizzato all’esterno “ 25

Regola 17 - Cambio delle palle “ 25

Titolo IV – Codice di condotta

M) – Puntualità “ 26

N) – Abbigliamento “ 26

O) – Identità “ 26

P) – Comportamento e disciplina “ 26

PREMESSA

La Federazione internazionale del paddle (di seguito FIP) è l’organismo che governa il gioco del paddle e tra i suoi compiti e responsabilità è inclusa la fissazione delle regole di gioco. Il Comitato delle regole del paddle della FIP verifica continuamente il gioco e le sue regole e propone, quando lo ritiene necessario, le modificazioni all’Assemblea, autorità responsabile in ulti- ma istanza per approvare qualunque modificazione delle Regole del paddle, attenendosi a quanto stabilito dall’articolo 19 dello statuto.

NOTA: salvo quando diversamente indicato, ogni previsione nelle regole al “giocatore” si intende riferita ad entrambi i sessi.

3

TITOLO I – L’IMPIANTO (2)

A) Il campo

1. Il campo di gioco è un rettangolo largo m 10 e lungo m 20 (misure interne), con una tolleranza dello 0,5%.

( 2 ) Tutte le misure sono prese all’interno del campo, ma quelle relative all’altezza delle pareti o della maglia metallica, nei campi con erbaartificiale, sono fatte come se questa non ci fosse.

4

2. Questo rettangolo è diviso a metà da una rete, ad entrambi i lati della quale, parallele ad essa e ad una distanza di m 6,95, sono tracciate le due linee di battuta.

3. Lo spazio tra la rete e le linee di battuta è diviso a metà da una linea perpendicolare ad esse, chiamata linea centrale di battuta, che lo divide in due zone uguali e si estende per 20 cm oltre la linea di battuta.

4. Le due metà del campo devono essere esattamente simmetriche per quanto si riferisce alla superficie ed alla tracciatura delle linee.

5. Tutte le linee sono larghe 5 cm.

6. Nei campi coperti, l’altezza minima libera fino al soffitto è di 6 m su tutta la su- perficie del campo e nessun arredo (ad es. le luci) deve essere posto in questo spazio.

B) – La rete

1. La rete ha una lunghezza di m 10 ed un’altezza di m 0,88 al centro e di m 0,92 alle estremità (con una tolleranza massi- ma di cm 0,5).

2. La rete è sospesa ad un cavo metallico del diametro massimo di cm 1, le cui estremità sono fissate a due paletti laterali di altezza massima di m 1,05 od alla struttura del campo che lo sostiene e lo tende.

3. Il dispositivo per tendere il cavo deve essere concepito in modo che non si apra in modo imprevisto e non costituisca un rischio per i giocatori.

4. I paletti di sostegno della rete hanno la faccia esterna tangente ai limiti laterali del campo (apertura, accesso o rete metallica) e possono essere di sezione circolare o quadrata, purché con bordi arrotondati.

5. La rete è attaccata ad un nastro bianco, alto da 5,0 a 6,3 cm dopo la ripiegatura, nel cui interno scorre il cavo di sospensione della rete. Può contenere pubblicità, purché sia di un solo colore.

6. La rete è montata in modo da riempire completamente, senza essere tesa, lo spazio tra i paletti di sostegno e la superficie del campo, così da non lasciare alcuno spazio tra le estremità della rete ed i paletti.

7. Le maglie che la compongono sono di fibra sintetica e la loro ampiezza deve essere sufficientemente piccola per evitare che la palla possa attraversare la rete.

Caso 1: Può esserci uno spazio tra la rete di recinzione metallica o il piano che la contiene ed il palo della rete?

(v. figura)

Decisione: No, un tale campo di gioco non è regolamentare.

6

C) – Le recinzioni

1. Il campo è recintato per tutta la sua estensione, nel fondo per m 10 di larghezza interna e lateralmente per m 20 di lunghezza interna, e nella recinzione si combinano zone costruite con materiali che consentono un rimbalzo regolare della palla e zone di rete metallica dove il rimbal zo è irregolare, come descritto di seguito.

2. Nei lati corti (fondo) la recinzione è alta complessivamente 4 m, composta per i primi tre metri dalla parete e per l’ultimo metro da rete metallica.

3. Nei lati lunghi (laterali) sono ammesse due varianti della recinzione, come segue:

a) la variante 1 è composta da zone a scala di parete in entrambe le estremità, di 3 m di altezza per 2 m di lunghezza per la parte iniziale ad angolo con la parere di fondo e di 2 m di altezza per 2 m di altezza per la parte restante, e da zone di rete metallica che completano la recin zione fino a 3 m di altezza nei 16 m centrali e fino a 4 m di altezza nei 2 m finali in ciascuna estremit;

b) la variante 2 è composta da zone a scala di parete in entrambe le estremità, di 3 m di altezza per 2 m di lunghezza per laparte iniziale e di 2 m di altezza per 2 m di lunghezza per la parte restante, e da zone di rete metallica che completano la recinzione fino a 4 m di altezza per tutta la sua estensione.

4. Le misure indicate sono calcolate all’interno del campo; la rete metallica è collocata sempre allineata con la faccia interna della parete.

5. Le pareti possono essere di qualsiasi materiale trasparente o opaco (cristallo, mattoni, ecc.), purché abbiano un’adeguata consistenza per un rimbalzo della palla regolare ed uniforme. Qualunque materiale usato deve presentare una superficie uniforme, dura e liscia, senza alcuna asperità, che consenta il contatto, lo sfioramento e lo scivolamento della palla, delle mani e del corpo.

Il colore delle pareti opache deve essere uniforme e non interferire con la visione dei giocatori o le condizioni del gioco.

6. Per i campi con pareti in cristallo, si devono rispettare le norme per il vetro temperato:

a) per l’Unione europea: EN 12150-1;

b) per gli altri paesi: consultare le normative specifiche.

7. Le maglie della rete metallica devono avere forma romboidale o quadrata, semplicemente ritorte o elettrosaldate, purché le loro dimensioni (misura della diagonale) non siano inferiori a 5 cm o superiori a 7,08 cm. Si raccomanda che il diametro del filo di ferro impiegato sia tra 1,6 mm e 3 mm, con possibilità di arrivare fino ad un massimo di 4 mm, dovendosi mantenere una tensione che consenta alla palla di rimbalzarvi.

8. Se si usa una rete a maglie elettrosaldate, tutti i punti di saldatura devono essere protetti, sia all’interno del campo, sia all’esterno, perché non provochino tagli o graffi. Se la rete elettrosal- data è montata in forma quadrata, non romboidale, i fili orizzontali paralleli al terreno devono stare all’interno verso il campo e quelli verticali all’esterno.

9. Se le maglie sono semplicemente ritorte, i tensori debbono essere collocati all’esterno del campo e sempre adeguatamente protetti. Le unioni o congiunzioni tra i rotoli della rete non deb- bono avere elementi pungenti.

10. Sia le maglie elettrosaldate, sia quelle ritorte debbono formare una superficie piana e vertica- le e debbono mantenersi senza perdere tali caratteristiche.

Caso 2: Se si continua con lo stesso tipo di maglia fino alla sommità, oltre i limiti regolamentari (v. varianti 1 e 2), con lo scopo di evitare l’uscita della palla dal campo, si raccomanda di porre all’altezza di 3 o 4 m, secondo i casi, una striscia di colore bianco che consenta di distinguere chiaramente la parte valida per il gioco da quella non valida. La palla che colpisce la striscia bianca si considera fuori gioco.

D) – La superficie

1. La superficie del campo può essere di conglomerato poroso, di cemento, di legno, di materia- li sintetici o di erba artificiale od altro, purché il materiale consenta il rimbalzo regolare della palla ed eviti il ristagno dell’acqua.

2. Il colore della superficie deve essere verde, azzurro o terracotta.

3. La superficie deve avere una planeità tale che le differenze di livello interne siano inferiori a 3 mm di media, con misure di 3 m (1/1000).

4. In superfici non drenanti, le pendenze massime trasversali di evacuazione sono dell’1% e sempre iniziando dal centro verso l’esterno del campo. Caso 3: In superfici non drenanti è valida una pendenza dello 0%.

5. I pavimenti sintetici o in erba artificiale debbono avere le seguenti caratteristiche:

a) per l’Unione europea: conformi alle specifiche UNE 41.958 IN per i pavimenti sportivi;

b) per gli altri paesi: consultare le normative specifiche.

Requisiti

Assorbimento all’impatto (Riduzione della forza)

RF 20%

Erba artificiale

Frizione 0,4 0,8 Erba artificiale

Rimbalzo verticale della palla 80%

Erba artificiale

Sintetici

SiO 96%

Ricambio di sabbia CaO 3%

Spigoli arrotondati

Granulometría: 80% del peso

16 mm - 1,25mm

Lunghezza visibile della fibra 2mm-3mm

Erba artificiale

E) – Gli accessi

1. Gli accessi al campo sono simmetrici rispetto al suo centro e posti nelle due pareti laterali o in una sola. Possono esserci una o due aperture per ciascun lato, con o senza porta (v. Regola 16 – Gioco autorizzato all’esterno).

2. Se gli accessi non hanno porte e se è montato sopra il terreno, nella parte inferiore dell’accesso, qualsiasi tipo di barra. metallica o di altro materiale, per il rafforzamento della struttura, deve intendersi come facente parte della stessa a tutti gli effetti regolamentari; se tale barra non c’è, la zona verticale della struttura è considerata interno del campo, anche se non c’è una linea dipinta sopra.

3. Le dimensioni delle aperture sono le seguenti:

a) con un solo accesso per lato: l’apertura ha dimensioni minime di 1,05 x 2,00 m e quelle mas- sime di 1,20 x 2,20 (vedi figura);

b) con due accessi per lato: ciascuna apertura ha dimensioni minime di 0,72 x 2,00 m e massi- me di 0,82 x 2,20 m. (vedi figura).

Nota: Gli impianti di uso pubblico sono soggetti alle normative di accesso e di soppressione delle barriere architettoniche per le persone con mobilità ridotta.

4. La distanza minima tra la parete di fondo ed il lato più vicino dell’accesso è di 9 m.

5. Se ci sono porte, le loro maniglie debbono essere collocate all’esterno del campo, così da non provocare alcuna ostruzione all’interno.

F – Zona di sicurezza e gioco all’esterno

1. Ciascuno dei due lati del campo deve avere due accessi. Non deve esserci alcun ostacolo fisico all’esterno del campo per uno spazio minimo di 2 m di larghezza, di 4 m di lunghezza per ciascun lato ed almeno 3 m di altezza. (v. figura)

G – L’illuminazione

1. L’illuminazione artificiale deve essere uniforme e tale da non causare difficoltà alla visione dei giocatori, degli arbitri e degli spettatori. Deve soddisfare le norme:

a) per l’Unione europea: EN 12193 “Illuminazione degli impianti sportivi” e fornire i seguenti

livelli minimi di illuminazione:

LIVELLI MINIMI DI ILLUMINAZIONE

(esterno)

Illuminazione orizzontale

E med (lux)

Uniformità

E min / E med

Competizioni internazionali e nazionali 500 0,7

Competizioni locali, allenamento, gare scolastiche e ricreative 200 0,5

LIVELLI MINIMI DI ILLUMINAZIONE

(interno)

Illuminazione orizzontale

E med (lux)

Uniformità

E min / E med

Competizioni internazionali e nazionali 750 0,7

Competizioni locali, allenamento, gare scolastiche e ricreative 300 0,5

b) per gli altri paesi: consultare le normative specifiche.

2. I pali delle luci debbono essere posti fuori del campo. Se sono posti nella zona di sicurezza, il gioco all’esterno non è consentito.

3. La distanza minima in altezza dal suolo alla parte inferiore dei proiettori deve essere di 6 m.

4. Per le riprese televisive a colori o cinematografiche, si richiede un livello di illuminazione verticale di almeno 1.000 lux, sebbene questo valore possa aumentare con la distanza della ca- mera dal soggetto. Per maggiori informazioni, si consulti la norma citata.

H) – L’orientamento

1. Si raccomanda che l’asse longitudinale del campo negli impianti all’aperto sia N-S, ammettendosi una variabilità compresa tra N-NE e N-NO.

TITOLO II – L’ATTREZZATURA

I) – La palla (3)

1. Le palle da usare nelle competizio- ni ufficiali della FIP sono solo quelle dalla stessa approvate.

2. La palla è una sfera di gomma con una superficie esterna di colore bianco o giallo. Il suo diametro varia tra 6,35 e 6,77 cm ed il suo peso tra 56,0 e 59,4 g. Deve avere un rimbalzo compreso tra 135 e 145 cm, se lasciata cadere su una superficie dura da 2,54 m.

3. La palla deve avere una pressione interna tra 4,6 e 5,2 kg per ogni 2,54 centimetri quadrati.

4. Quando si gioca a più di 500 m di altitudine sul livello del mare, si può usare un altro tipo di palla, identica a quelle già descritte, tranne per il rimbalzo, che deve essere compreso tra 121,92 e 135 cm.

L) – La racchetta

1. Si gioca con una racchetta regolamentare per il paddle, che deve essere conforme a quanto indicato di seguito.

2. La racchetta si compone di due parti: la testa ed il manico.

3. Il manico ha le seguenti misure massime: lunghezza 20 cm, larghezza 5 cm, spessore 5 cm.

4. La testa ha lunghezza variabile, ma che sommata a quella del manico non deve superare in totale 45,5 cm; la sua larghezza massima è di 26 cm e lo spessore massimo di 3,8 cm.

5. La lunghezza totale della racchetta, testa più manico, non deve superare 45,5 cm.

6. Nell’eseguire il controllo delle misure della racchetta, è consentita una tolleranza nello spes- sore del 2,5%.

7. La superficie di battuta, nella zona centrale, è forata da un numero indefinito di buchi circo- lari con diametro da 9 a 13 mm ciascuno. Entro la superficie può esserci una zona periferica di 4 cm, misurata dal bordo esterno della racchetta, in cui i fori possono avere dimensione e forma differenti, purché non modifichino l’essenza del gioco.

8. La superficie di battuta, uguale nei due lati, deve essere piana, liscia o rugosa.

9. La racchetta deve essere libera da oggetti adesivi o altri dispositivi diversi da quelli usati esclusivamente per limitare o prevenire l’usura o le vibrazioni oppure per distribuire il peso.

Qualsiasi oggetto o dispositivo deve avere dimensioni ragionevoli ed una collocazione idonea al suo scopo.

( 3 ) NOTA FIT: Tutte le prove per la verifica dei requisiti della palla sono effettuate secondo le procedure previste dalla normativa internazionale o,

in mancanza, da quella nazionale.

10. La racchetta deve avere una corda o cavo non elastico che la unisca al polso del giocatore come protezione per incidenti. La corda, il cui uso è obligatorio, deve avere una lunghezza massima di 35 cm.

11. La racchetta deve essere libera da qualsiasi dispositivo idoneo a fornire al giocatore durante il gioco comunicazioni, consigli od istruzioni di qualunque tipo, sia visivi sia sonori.

Caso 1: Durante il gioco, un giocatore rompe accidentalmente la racchetta. Può continuare a giocare con la racchetta in tali condizioni?

Decisione: Si, salvo che rompa il cavo di sicurezza o che la rottura renda la racchetta un oggetto pericoloso.

Caso 2: Il giocatore può usare più di una racchetta durante il gioco?

Decisione: Sì, ma il cambio non può avvenire durante la disputa di un punto.

Caso 3: La racchetta può contenere una pila (batteria) che influisca sulle sue caratteristiche di gioco?

Decisione: No. Una pila (batteria) è vietata La batteria è proibita perché è una sorgente di energia, come una cella solare o altri dispositivi simili.

TITOLO III – IL GIOCO

REGOLA 1 – Punteggio nel gioco – Metodi di punteggio alternativi – Parità nel gioco

1. Quando una coppia vince il primo punto, il punteggio è 15; se vince il seconto punto, il pun- teggio è 30; se vince il terzo punto, il punteggio è 40 e con il quarto punto vinto si vince il gioco, tranne quando entrambe le coppie hanno vinto tre punti ed il punteggio è “parità”; il punto se- guente è chiamato “vantaggio” a favore del vincitore e, se la stessa coppia si aggiudica anche il punto seguente, si aggiudica anche il gioco; se invece lo perde, si ritorna in “parità” e così di se- guito finché una delle due coppie non si sia aggiudicata due punti consecutivi dopo la “parità”.

2. La coppia che per prima si aggiudica 6 giochi, con almeno due giochi di vantaggio, si aggiu- dica la partita; in caso di parità a 5 giochi, se ne debbono giocare altri due, fino a vincere per 7-5, ma se si ha parità a 6 giochi, si disputa il tie-break.

3. Gli incontri si disputano al meglio delle tre partite (una coppia deve vincere due partite per aggiudicarsi l’incontro).

4. In caso di una partita pari, se è stato concordato preventivamente, si può giocare la terza par- tita senza applicazione del tie-break nel caso di parità a sei giochi (partita ai vantaggi), aggiudi- candosi la partita chi conquista due giochi di differenza.

Il tie-break

5. Durante il tie-break, i punti sono chiamati “zero”, “1”, “2”, “3”, ecc.

6. Il tie-break è vinto dalla coppia che per prima si aggiudica 7 punti, con due punti di vantag- gio sugli avversari, vincendo così il gioco e la partita. Se è necessario, il tie-break continua fin- ché non sia raggiunto questo margine.

7. Nel tie-break inizia a battere il giocatore che avrebbe avuto comunque il diritto di battere, secondo la sequenza stabilita nella partita; batte dal lato destro del campo, una sola volta; poi, ri- spettando sempre la sequenza anzidetta, si giocano due punti, iniziando a battere dal lato sinistro, e così di seguito.

8. Il vincitore del tie-break si aggiudica la partita per 7-6.

9. Nella partita seguente, inizia a battere un giocatore della coppia che ha iniziato a ribattere nel tie-break.

Caso 1: Chi inizia a battere nel tie-break?

Decisione: Il giocatore che ha iniziato a battere all’inizio della partita, salvo che si verifichi quanto previsto nella

Regola 6, lettera J).

Metodi di punteggio alternativi

a) punteggio in un gioco

Metodo di punteggio “senza vantaggi” (punto d’oro)

Si può usare questo metodo di punteggio alternativo: in un gioco il punteggio è chiamto come segue, iniziando dal battitore: nessun punto: “zero”

primo punto: “15”

secondo punto: “30”

terzo punto: “40”

quarto punto: “gioco”

Se entrambe le coppie hanno vinto tre punti ciascuno, il punteggio è “parità” e si gioca un punto decisivo chiamato “punto d’oro”. La coppia ribattitrice sceglie se rispondere dal lato sinistro o destro del campo. I componenti della coppia ribattitrice non possono cambiare posizione nel punto decisivo. La coppia che si aggiudica il punto si aggiudica il gioco.

Nel doppio misto, ribatte il punto decisivo il giocatore del medesimo sesso del battitore, ma i giocatori della coppia ribattitrice non possono cambiare posizione per ribattere tale punto.

b) punteggio in una partita (4)

Partita a quattro giochi o “partita corta”

La coppia che si aggiudica quattro giochi vince la partita, purché abbia almeno due giochi di vantaggio sugli avversari. Se le coppie sono sul punteggio di quattro giochi pari, si gioca il tie-break.

Tie-break decisivo a 7 punti

Quando il punteggio in un incontro è di una partita pari, si gioca un tie-break per decidere il vincitore dell’incontro. Questo tie-break decisivo sostituisce la partita finale.

La coppia che si aggiudica sette punti vince il tie-break e l’incontro, purché abbia almeno due punti di vantaggio.

Tie-break decisivo a 10 punti

Quando il punteggio in un incontro è di una partita pari, si gioca un tie-break per decidere il vincitore dell’incontro. Questo tie-break decisivo sostituisce la partita finale.

La coppia che si aggiudica dieci punti vince il tie-break e l’incontro, purché abbia almeno due punti di vantaggio.

Nota 1: Quando si gioca il tie-break decisivo in luogo della partita finale, si continua con la rotazione originale della battura, ma ogni coppia può cambiare l’ordine dei battitori e le po- sizioni dei ribattitori.

Nota 2: Le palle non sono cambiate all’inizio del tie break decisivo dell’incontro, anche se è così previsto.

REGOLA 2 – I tempi

1. Il Giudice arbitro dichiara perdente dell’incontro (WO) la coppia i cui giocatori non siano in campo pronti per giocare entro dieci minuti dall’orario fissato per l’inizio, salvo quando il Giu- dice arbitro valuta che si tratta di un caso di forza maggiore.

( 4 ) NOTA FIT: Nelle sole gare nazionali, purché sia indicato nel programma regolamento del torneo, eccezionalmente l’incontro può essere disputato con una “partita lunga” a 9 giochi, con disputa del tie-break sul punteggio di 8 giochi pari.

Caso 1: Se la programmazione degli orari avviene per turni (a seguire), l’ora prevista per l’inizio dell’incontro è fissata cinque minuti dopo il termine dell’incontro precedente.

2. Il palleggio preliminare dura cinque minuti ed è obbligatotio.

3. Di regola, il gioco deve essere continuo, dal momento in cui inizia l’incontro (quando si ef- fettua la prima battuta) fino a quando termina e non deve mai essere sospeso o rinviato allo sco- po di permettere che un giocatore possa recuperare le forze o ricevere istruzioni o consigli. (5)

4. Tra un punto ed il successivo l’intervallo massimo consentito è di venti secondi.

5. Quando i giocatori cambiano lato del campo al termine di un gioco, è consentito un interval- lo massimo di novanta secondi. Dopo il primo gioco di ogni partita e durante il tie-break il gioco è continuo ed i giocatori cambiano lato del campo senza intervallo.

6. Al termine di ciascuna partita è consentito un intervallo massimo di 120 secondi.

7. Il tempo di tali intervalli inizia nel momento in cui si assegna un punto e termina quando si effettua la battuta per il punto seguente.

8. Se per circostanze indipendenti dalla volontà del giocatore, il suo abbigliamento, le sue calzature o la sua attrezzatura si rompono o è necessario sostituirli, è concesso al giocatore un tempo supplementare ragionevole per risolvere al problema.

9. Se notificato prima dell’incontro, può essere consentito un numero limitato di intervalli per andare in bagno o per cambiare abbigliamento.

10. Sono concessi venti secondi per il cambio di lato del campo durante il tie-break.

11. Se un incontro deve essere sospeso per ragioni indipendenti dai giocatori (pioggia, oscurità, incidente, ecc.) alla ripresa dell’incontro le coppie hanno diritto ad un palleggio preliminare co- me segue:

a) fino a cinque minuti di sospensione, nessun palleggio preliminare;

b) da 6 a 20 minuti di sospensione, tre minuti di palleggio preliminare;

c) oltre 21 minuti di sospensione, cinque minuti di palleggio preliminare.

12. L’incontro deve riprendere esattamente dal punto in cui è stato interrotto, cioè con lo stesso gioco e punteggio, con lo stesso giocatore alla battuta, con la stessa disposizione in campo e con la stessa sequenza delle battute e delle ribattute.

13. Se la sospensione è dovuta all’oscurità, si deve interrompere l’incontro quando la somma dei giochi nella partita in corso sia pari, cosicché alla ripresa entrambe le coppie siano disposte nello stesso lato di quando è avvenuta l’interruzione. (6)

14. Se un giocatore si infortuna o è affetto da una condizione medica trattabile, sono concessi tre minuti di sospnsione per il trattamento, che può essere ripetuto nei due successivi cambi di lato del campo, ma sempre nel tempo massimo regolamentare. Se la sospensione avviene durante un cambio di lato del campo, il giocatore può ricevere l’assistenza medica entro tale sospensione che può durare tre minuti, potendo essere ripetuta nei due successivi cambi di lato del campo, ma sempre nel tempo massimo regolamentare.

( 5 ) NOTA FIT: Le violazioni di tempo durante il gioco sono soggette all’applicazione delle penalità indicate nel Codice di condotta.

( 6 ) NOTA FIT: L’Arbitro deve comunicare la sospensione al Giudice arbitro, che fissa l’orario per la ripresa dell’incontro nello stesso giorno o nel

giorno seguente; nel frattempo l’Arbitro ed i giocatori debbono rimanere a sisposizione del Giudice arbitro, fino alla sua decisione.

18

15. L’assistenza può essere fornita solo una volta per ogni giocatore e tale diritto non può essere ceduto al compagno. 16. In caso di incidente che non sia conseguenza diretta del gioco e che colpisca uno dei giocatori, il Giudice arbitro, a suo giudizio, può concedere un tempo per l’assistenza, che non ecceda in alcun caso 15 minuti.

17. Se un giocatore ha una ferita sanguinante, non può continuare il gioco.

Caso 1: Se l’incidente non è conseguenza diretta del gioco, conta l’assistenza fornita al giocatore?

Decisione: No, non conta.

Caso 2: Quale tempo di riposo e di interruzione si può avere tra la prima e la seconda battuta?

Decisione: Nessuno, il gioco deve essere continuo.

REGOLA 3 - Posizione dei giocatori

1. Ogni coppia di giocatori si dispone in ciascuna metà campo, posta ai due lati della rete. Il giocatore che mette la palla in gioco è il battitore e quello che la respinge è il ribattitore.

2. Il ribattitore si può disporre in qualunque parte del suo lato del campo, così come il suo compagno ed il compagno del battitore.

Caso 1: Può un giocatore stare fuori del terreno di gioco mentre si effettua la battuta?

Decisione: No, non può.

Caso 2: È consentito ad un giocatore di una coppia di giocare da solo contro gli avversari?

Decisione: Sì, se il compagno rimane in campo e batte e ribatte quando è il suo turno.

REGOLA 4 - Scelta del lato del campo e della battuta

1. La scelta del lato del campo e del diritto di essere battitore o ribattitore nel primo gioco è fatta per sorteggio.

2. La coppia che vince il sorteggio può scegliere:

a) di battere o di ribattere, nel qual caso l’altra coppia sceglie il lato del campo; oppure

b) il lato del campo, nel qual caso l’altra coppia sceglie di battere o di ribattere; oppure

c) di lasciare la prima scelta agli avversari.

3. Dopo aver deciso l’ordine di battuta ed il lato del campo, entrambe le coppie comunicano all’arbitro chi sono il primo battitore e il primo ribattitore.

Caso 1: Entrambe le coppie hanno diritto di fare una nuova scelta se si interrompe il palleggio preliminare ed i giocatori abbandonano il campo?

Decisione: Sì. Il risultato del sorteggio iniziale resta valido, ma entrambe le coppie possono fare nuove scelte.

REGOLA 5 – Cambio del lato del campo

1. Le coppie cambiano lato del campo quando la somma dei giochi disputati in ogni partita è dispari.

2. Nel tie-break i giocatori cambiano lato del campo ogni sei punti.

3. Se si commette un errore e non si cambia di lato, i giocatori lo correggono appena scoperto, proseguendo con la sequenza corretta. Tutti i punti fatti prima della scoperta dell’errore sono validi. Se l’errore è scoperto quando si è fatto solo un fallo di battuta, si ha diritto solo alla seconda battuta.

Caso 1: Alla fine di una partita si ha un riposo di 120 secondi. Per iniziare la partita seguente, si deve cambiare lato del campo?

Decisione: Sì, se la somma dei giochi della partita terminata è dispari; no, se la somma è pari.

Caso 2: Al termine del primo gioco di ciascuna partita, si deve cambiare campo. Si ha diritto ad un riposo?

Decisione: No, non c’è riposo.

REGOLA 6 - La battuta

1. Tutti i punti iniziano con la battuta. Se la prima battuta è fallo, si ha una seconda possibilità.

La battura si effettua nel modo seguente:

a) il battitore, all’inizio della battuta, deve stare con entrambi i piedi dietro la linea di battuta, tra il prolungamento immaginario della linea centrale di battuta e la parete laterale (area di battuta) e deve mantenere questo posizione fino a quando la palla è colpita; (v. figura)

b) il battitore, per effettuare la battuta, deve far rimbalzare la palla sul terreno dell’area di battu- ta in cui si trova; (7)

c) il battitore non deve toccare con i piedi la linea di battuta o il prolungamento immaginario della linea centrale di battuta;

d) al momento di colpire la palla per la battuta, questa deve stare all’altezza della cintura o più in basso ed il giocatore deve tenere almeno un piede a contatto con il terreno;

e) il battitore deve lanciare la palla sopra la rete, nel riquadro di battuta opposto diagonalmente nell’altro lato del campo, in modo che il primo rimbalzo avvenga in detto riquadro o su una delle linee che lo delimitano; la prima battuta è fatta dal lato destro verso il riquadro alla sua sinistra e, terminato il punto, la seguente è fatta dal lato sinistro verso il riquadro alla sua de- stra, proseguendo poi alternativamente dai due lati;

f) il battitore, nell’eseguire il colpo, non può camminare, correre o saltare; si ritiene che il gio- catore non abbia cambiato posizione se ha fatto piccoli movimenti con i piedi che non abbia- no mutato la posizione iniziale;

g) nel momento dell’impatto con la palla o del tentativo fallito di colpirla, la battuta si conside- ra effettuata;

h) se la battuta è effettuata per errore dal lato sbagliato del campo, l’errore di posizione deve es- sere immediatamente corretto; tutti i punti fatti sono validi, così come conta un fallo di battu- ta commesso prima della scoperta dell’errore;

i) la coppia che ha il diritto di battere nel primo gioco di ciascuna partita sceglie quale dei due compagni inizia a battere; a sua volta, al termine del primo gioco, la coppia che ha ribattuto diventa battitrice e sceglie il giocatore che batte per primo e così alternativamente per tutti i giochi della partita; stabilito l’ordine di battuta, questo non può essere modificato fino all’inizio della partita successiva;

( 7 ) NOTA FIT: Un giocatore privo dell’uso di un braccio può lanciare la palla per il rimbalzo con la racchetta.

j) se un giocatore batte fuori turno, chi doveva battere deve farlo appena scoperto l’errore; tutti i punti fatti prima di scoprire l’errore sono validi, ma se c’è stato un solo fallo di battuta pri- ma di scoprire l’errore, questo non conta; se si è concluso il gioco, l’ordine di battura resta così alterato, fino al termine della partita;

k) il battitore non deve effettuare la battuta se il ribattitore non è pronto. Tuttavia, il ribattitore deve adeguarsi al ragionevole ritmo del battitore e deve essere pronto a ribattere quando il battitore è pronto per battere;

l) non si può reclamare di non essere stato pronto per ribattere se si è cercato di farlo. Se si si- mostra che il ribattitore non era pronto, non può essere chiamato il fallo di battuta.

Caso 1: A che altezza massima un giocatore può colpire la palla, se flette le gambe al momento della battuta?

Decisione: A quella in cui, in quel momento, è situata la cintura o al di sotto questa.

REGOLA 7 - Fallo di battuta (8)

1. La battuta è fallo se:

a) il battitore viola il disposto della Regola 6 – La battuta, lettere da a) ad f);

b) il battitore manca completamente la palla nel tentativo di colpirla;

c) la palla battuta cade fuori dell’area di battuta del ribattitore, che comprende anche le linee

che la delimitano (le linee sono parte del campo);

d) la palla battuta colpisce il battitore, il suo compagno o qualunque oggetto cho indossino o portino;

( 8 ) NOTA FIT: Se la palla battuta rimbalza due volte nell’area di battuta del campo avversario o sulle linee che la delimitano, prima di colpire le pareti o la recinzione o la racchetta del ribattitore, la battuta è corretta ed il punto è assegnato al battitore.

e) la palla battuta rimbalza nell’area di battuta del campo avversario e colpisce la rete metallica che delimita il campo prima del secondo rimbalzo;

f) la palla battuta rimbalza nell’area di battuta del campo avversario ed esce direttamente dalla porta in un campo privo di zona di sicurezza e per il gioco all’esterno.

Caso 1: La palla battuta, prima di rimbalzare per la prima volta sul terreno, tocca una delle pareti o la rete metallica o una luce nel campo del battitore, ma oltrepassa la rete e cade nell’area di battuta del campo

avversario. Il servizio è valido?

Decisione: No, è fallo.

Caso 2: La battuta è un pallonetto e la palla dopo aver rimbalzato nell’area di battuta del campo avversario,

esce direttamente dal campo oltre la recinzione metallica. È fallo?

Decisione: No.

REGOLA 8 – La ribattuta

1. Il ribattitore deve attendere che la palla cada nella sua area di battuta e deve ribatterla prima del secondo rimbalzo.

2. La coppia che ribatte nel primo gioco di ogni partita decide quale dei due giocatori inizia a ribattere e tale giocatore continua a ribattere la prima battuta di ciascun gioco in cui la coppia è ribattitrice, sino al termine della partita.

3. Ogni giocatore ribatte alternativamente durante il gioco e l’ordine scelto non può essere cambiato durante la partita o il tie-break, ma solo all’inizio della partita seguente.

4. Se durante un gioco o il tie-break, l’ordine di ribattuta è alterato per la coppia che ribatte, si deve continuare in questo modo fino al termine del gioco in cui si è commesso l’errore; nei gio- chi seguenti della partita, la coppia ribattitrice riprende la posizione scelta all’inizio della stessa.

5. Se il ribattitore o il suo compagno colpiscono la palla o la toccano con la racchetta prima del rimbalzo, il punto è assegnato al battitore.

Caso 1: Nel caso di campi di vecchia costruzione con spigoli verticali nel punto di unione tra la parete e la recinzione metallica, cioè la parete e la recinzione non stanno nel medesimo piano, quando la palla colpisce l’angolo o lo spigolo, la battuta è valida solo se, dopo aver rimbalzato e colpito tale spigolo, prosegue obliquamente verso il ribattitore, oltre la linea immaginaria che corre da tale spigolo a quello opposto. (v. la figura).

Caso 2: Se la palla rimbalza due volte di seguito nell’area di battuta del ribattitore, anche se tra i due rimbalzi ha toccato la parete, la battuta è punto per il battitore.

Caso 3: Il ribattitore in nessun caso può colpire la palla al volo anche se lo fa fuori dell’area di servizio.

REGOLA 9 – Ripetizione della battuta o battuta nulla

1. La battuta si ripete (battuta nulla) se:

a) la palla tocca la rete o i pali che la sostegnono (se sono all’interno del campo) e poi cade nell’area di battuta del ribattitore, sempreché non tocchi la rete metallica prima del secondo rimbalzo;

b) la palla, dopo aver toccato la rete o i pali (se posti dentro l’area di gioco), colpisce uno degli avversario o qualunque cosa indossi o porti;

c) è effettuata quando il ribattitore non era pronto (Regola 6/k).

2. Se la prima battuta è nulla, questa deve essere ripetuta; se è nulla la seconda battuta, il battitore ha diritto di ripetere solo questa seconda battuta.

Caso 1: La palla messa in gioco tocca la rete e rimbalza per la prima volta nell’area di battuta corretta e per la

seconda volta, uscendo dalla porta, fuori dal campo. La battuta è nulla od è fallo?

Decisione: Se è possibile giocare la palla fuori dal campo, è battuta nulla; altrimenti è fallo.

REGOLA 10 – Ripetizione di un punto o colpo nullo

1. Un colpo si considera nullo (e si ripete) se:

a) la palla si rompe durante il gioco;

b) un elemento estraneo all’incontro in corso invade il campo;

c) in generale, il gioco è interrotto da qualsiasi situazione imprevista al di fuori del controllo dei giocatori.

2. Il giocatore che durante il gioco ritiene che si sia verificata una situazione che le regole considerano “colpo nullo”, deve notificarlo immediatamente all’arbitro e non deve continuare il gioco, altrimenti perde il diritto di richiederlo successivamente.

Fatta la richiesta del “colpo nullo”, spetta all’arbitro stabilire se è corretta, in caso contrario il richiedente perde il punto.

Caso 1: Se si è commesso fallo nella prima battuta e si è iniziato il punto con la seconda battuta, che accade se durante questo punto viene chiamato un “colpo nullo”?

Decisione: Si ripete il punto con diritto alle due battute.

REGOLA 11 – Colpo disturbato

1. Si considera colpo disturbato quando un giocatore commette un’atto, deliberatamente o involontariamente, che disturba un avversario nell’esecuzione di un colpo; l’arbitro

a) nel primo caso, assegna il punto all’avversario e

b) nel secondo caso, ordina la ripetizione del punto (colpo nullo), se il giocatore che ha distur- bato lo ha vinto.

REGOLA 12 – Palla in gioco

1. La palla è colpita alternativamente da ciascuna delle due coppie avversarie.

2. La palla è in gioco dal momento in cui è effettuata una battuta valida e rimane in gioco fin- ché è chiamato un “colpo nullo” o il punto è assegnato.

3. Se la palla in gioco colpisce qualunque elemento del campo dopo aver rimbalzato sul terreno di gioco corretto, rimane in gioco e deve essere rimandata prima che tocchi il terreno per la se- conda volta

4. Si considerano elementi del campo la faccia interna delle pareti, la rete metallica che recinge il campo, il terreno, la rete ed i suoi pali di sostegno. Il telaio, che delimita le maglie elettrosaldate, si considera a tutti gli effetti come rete metallica.

REGOLA 13 – Punto perso

1. Una coppia perde il punto:

a) se, mentre la palla è in gioco, un componente della coppia, la sua racchetta o qualunque cosa indossi o porti toccano qualsiasi parte della rete, compresi i pali che la sostengono, o il terre- no del campo avversario, compresa la rete metallica;

1) Gioco autorizzato all’esterno. Oltre i m 0,92 dal suolo e solo nel caso che sia autorizza- to il gioco all’esterno, il palo verticale mediano tra le porte è ritenuto zona neutrale, per cui i quattro giocatori possono toccarlo o aggrapparvisi;

b) se la palla rimbalza per la seconda volta prima di essere respinta;

c) se la palla, dopo aver rimbalzato correttamente sul terreno, esca dal campo (fondo o laterali) al di sopra dei limiti superiori (perimetro esterno) o dalla porta;

1) Gioco autorizzato all’esterno. Quando la palla, dopo aver rimbalzato correttamente nel terreno, esce dal limite superiore della parete di fondo. Se esce dal limite superiore della parete laterale o dalla porta, si perde il punto quando rimbalza sul suolo per la seconda volta o tocca un elemento esterno estraneo al campo;

d) se rimanda la palla di volo prima che abbia oltrepassato la rete;

e) se un giocatore rimanda la palla, sia direttamente o colpendo prima le pareti della sua metà del campo in modo da colpire, senza farla prima rimbalzare, una parete del campo avversa- rio, la rete metallica o qualsiasi oggetto estraneo al campo che si trovi sul campo avversario;

f) se un giocatore rimanda la palla, sia direttamente o colpendo prima le pareti della sua metà del campo in modo da colpire la rete o i pali di sostegno e poi direttamente una parete del campo avversario o la rete metallica o qualsiasi oggetto estraneo al campo che non si trovi nel campo avversario; (9)

g) se un giocatore colpisce due volte consecutive la palla (doppio colpo);

h) se, dopo che uno dei componenti della coppia ha colpito la palla, questa tocca il giocatore che l’ha colpita o il suo compagno o qualunque cosa essi indossino o portino;

i) se la palla tocca uno dei componenti della coppia o il suo equipaggiamento, eccetto la rac- chetta, dopo essere stata colpita da uno degli avversari;

j) se un giocatore colpisce la palla e questa tocca la rete metallica od il terreno nella sua metà campo o qualsiasi oggetto estraneo al campo sito nel proprio terreno di gioco;

k) se colpisce la palla lanciandole contro la racchetta;

l) se salta sopra le rete mentre la palla è in gioco;

m) solo un giocatore per volta può colpire la palla per respingerla; se entrambi i giocatori della coppia, o simultaneamente o consecutivamente, colpiscono la palla, perdono il punto.

NOTA: Non si considera colpo doppio quando i due giocatori tentano di colpire la palla si- multaneamente, ma solo uno la colpisce, mentre l’altro colpisce la racchetta del compagno.

n) se il giocatore colpisce la palla nel campo stando con uno od i due piedi fuori del terreno di gioco, salvo che sia autorizzato il “gioco all’esterno”.

o) il giocatore commette fallo nella seconda battuta.

Caso 1: Se la palla, dopo aver rimbalzato nel campo correttamente, non esce dal campo perché colpisce la recinzione supplementare posta in alcuni casi sopra la rete metallica regolamentare, qual è la decisio- ne?

Decisione: Il punto è perso.

REGOLA 14 – Risposta buona

( 9 ) NOTA FIT: Analogamente se la palla colpisce i proiettori dell’illuminazione od il soffitto dei campi coperti, prima di rimbalzare nel campo

avversario.

1. La risposta è buona:

a) se la palla, dopo essere stata colpita, è colpita al volo da uno dei giocatori della coppia avver- saria o tocca il suo corpo e qualunque parte dell’abbigliamento o nella propria racchetta;

b) se la palla, dopo essere stata colpita, rimbalza direttamente nel campo avversario o colpisce prima una delle pareti del proprio campo e in seguito rimbalza direttamente nel campo avversario;

c) se la palla rimbalza nel campo avversario e poi tocca la rete metallica o una delle pareti;

d) se, in conseguenza della direzione e della forza del colpo, la palla rimbalza nel campo avver- sario e poi esce dai limiti del campo o colpisce il soffitto o le luci dell’illuminazione o qual- siasi oggetto o arredo del campo;

e) se la palla tocca la rete o i pali di sostegno e poi rimbalza nel campo avversario;

f) se la palla in gioco colpisce qualsiasi oggetto estraneo al gioco (ad esempio, un’altra palla) sito nel campo avversario;

g) se la palla, dopo il rimbalzo nel campo corretto, ritorna nel campo di chi l’ha colpita ed è colpita nel campo avversario, sempreché il giocatore o qualunque parte del suo abbiglimento o la racchetta non abbiano toccato la rete, i pali di sostegno o il campo avversario è la palla è conforme a quanto indicato ai punti da a) ad f) precedenti;

h) se la palla è trattenuta o accompagnata, la risposta è buona se il giocatore non ha colpito la palla due volte, il colpo è effettuato con un unico movimento e non sia variata sostanzial- mente la traiettoria naturale della palla;

i) se la palla rimandata rimbalza nel campo avversario nell’angolo formato da una delle pareti e dal terreno, la risposta è buona; (la palla chiamata comunemente “uovo” è buona);

j) “Gioco autorizzato all’esterno” - se la palla è colpita fuori del campo, la risposta è buona se è conforme a quanto indicato nei punti precedenti di questa Regola.

Caso 1: Secondo quanto previsto al punto f), se la palla rimbalza su un oggetto che si trova nel terreno del campo avversario, la risposta è buona, ma è anche assegnato il punto?

Decisione: No, il gioco continua.

REGOLA 15 – Punto assegnato

1. Il punte è assegnato a chi a colpito la palla:

a) se la palla, dopo aver rimbalzato nel campo avversario, esce dal campo attraverso un buco od un difetto della recinzione metallica o rimane incastrata in essa;

b) se la palla, dopo aver rimbalzato nel campo avversario, si ferma nella superficie orizzontale superiore del muro.

REGOLA 16 – Gioco autorizzato all’esterno

1. I giocatori possono uscire dal campo e da fuori colpire la palla purché il campo sia conforme ai requisiti indicati nel paragrafo F) - Zona di sicurezza e gioco all’esterno.

REGOLA 17 – Cambio delle palle

1. Gli organizzatori della manifestazione devono comunicare anticipatamente:

a) la marca ed il modello delle palle da usare;

b) il numero delle palle da usare nel gioco (2 o 3);

c) il cambio delle palle, se previsto.

2. Il cambio delle palle, se previsto, si può fare adottando una delle seguenti modalità in ciascun incontro:

a) dopo un determinato numero dispari di giochi. Il palleggio preliminare conta come due gio- chi e il tie-break come uno, al fine del cambio delle palle; il cambio delle palle non può essere fatto all’inizio del tie-break; in tal caso, il cambio delle palle è rinviato all’inizio del se- condo gioco della partita successiva;

b) all’inizio della partita.

3. Nei casi in cui le palle debbono cambiarsi dopo un numero determinato di giochi e ciò non avvenga nella giusta sequenza, l’errore è corretto quando deve battere nuovamente la coppia che doveva farlo con le palle nuove, prima che si verificasse l’errore. Dopo ciò, le palle sono cam- biate in modo che il numero dei giochi per il cambio delle palle sia quello originariamente previ- sto.

4. Quando una palla si perda, si rompa o, per qualsiasi altra circostanza, si deteriori in modo da essere diversa dalle altre, l’arbitro dispone che sia sostituita da un’altra di analoghe condizioni delle altre rimaste in gioco. Se non è possibile, tutte le palle debbono essere cambiate. (10) Per po- ter iniziare il punto, è necessario disporre di almeno due palle.

( 10 ) NOTA FIT: Il cambio delle palle, sia se previsto sia se obbligato dalle circostanze del gioco, è disposto solo dall’Arbitro o dal Giudice arbitro.

TITOLO IV – CODICE DI CONDOTTA

M) - Puntualità

1. Gli incontri debbono iniziare senza ritardo all’orario previsto. L’orario degli incontri deve essere pubblicato con congruo anticipo, essendo obbligo del giocatore informarsi del medesimo.

2. L’ordine di gioco non può essere mutato senza l’autorizzazione del Giudice arbitro.

N) - Abbigliamento

1. Il giocatore deve presentarsi a giocare con abbigliamento e calzature sportive appropriati, non essendo permesso l’uso di magliette senza maniche o di costumi da bagno. In caso contrario, il giocatore avvertito deve sostituirlo con un abbigliamento regolamentare oppure è squalificato.

2. Nelle gare a squadre, si raccomanda che i giocatori indossino un abbigliamento identico, anche se ciò non è obbligatorio.

3. I giocatori possono usare le calzature, i vestiti e le racchette che desiderano, purché siano regolamentari.

4. Nei tornei internazionali, il gruppo arbitrale deve avere un abbigliamento che ne consenta l’identificazione.

O) - Identità 1. I partecipanti alla gara debbono dimostrare, a richiesta del Giudice arbitro, la loro identità, la cittadinanza, l’età e in generale qualsiasi altro requisito direttamente connesso con la competi- zione, tramite la presentazione degli opportuni documenti.

P) – Condotta e disciplina

1. Tutti i giocatori debbono comportarsi in modo cortese ed educato per tutto il tempo della loro permanenza nella competizione, anche se non vi stanno partecipando, e rispettare qualsiasi persona che incontrino nella stessa.

2. I tecnici, come i giocatori, debbono comportarsi adeguatamente, tenendo conto che le sanzioni che gli arbitri possono applicare loro nell’incontro si sommano a quelle che possono ricevere i giocatori.

3. Area di gioco: il giocatore o i giocatori non possono lasciare l’area di gioco durante l’incontro, compreso il palleggio preliminare, senza l’autorizzazione dell’arbitro, intendendosi per “area di gioco” il campo e gli spazi adiacenti che lo delimitano.

4. Consigli ed istruzioni: ogni coppia di giocatori può ricevere consigli e istruzioni durante l’incontro da un tecnico debitamente autorizzato, sia nelle gare individuali sia in quelle a squa- dre, purché ciò avvenga durante i periodi di riposo.

5. Premiazioni: i giocatori o le squadre che disputano la finale di un torneo debbono partecipa- re alla premiazione che si svolga al termine dell’incontro, salva impossibilità per lesione o malo- re accertato o per ragionevole giustificazione.

6. Gioco continuo o ritardo nel gioco: iniziato l’incontro, il gioco deve essere continuo e nes- sun giocatore può ritardarlo senza una causa giustificativa oltre i tempi consentiti dalla regola 2.

7. Oscenità udibili o visibili: si definisce oscenità udibile l’uso di parole comunemente cono- sciute ed intese come espressioni di maleducazione o offensive, pronunciate chiaramente e con sufficiente sonorità da essere udite dall’arbitro, dagli spettatori o dagli organizzatori del torneo.

8. Si definiscono oscenità visibili i segni o i gesti fatti con le mani o con la racchetta o con le palle, che comunemente abbiano un significato osceno o ragionevolmente offensivo per la gente

9. Abuso di palla: i giocatori non possono mai tirare violentemente, in qualsiasi direzione, una palla al di fuori del campo o colpirla violentemente verso l’altro lato della rete, mentre non è in gioco.

10. Abuso di racchetta o di attrezzatura: i giocatori non possono mai gettare intenzionalmente la racchetta o scagliarla violentemente contro il terreno o contro la rete, la sedia dell’arbitro, le pareti, la recinzione metallica o qualsiasi altro arredo del campo.

11. Abuso verbale e abuso físico o aggressione: sono i comportamenti, gli atteggiamenti ed i gesti aggressivi o anti-sportivi dei giocatori, che hanno una particolare gravità quando sono ri- volti al Giudice arbitro, all’arbitro, agli avversari, al compagno, agli spettatori o a qualsiasi per- sona connessa al torneo. Si considera abuso verbale l’insulto, così come qualsiasi espressione orale che, senza essere considerata insulto, abbia intrinsecamente un valore di disprezzo o di de- risione verso gli altri.

12. Massimo impegno. Tutti i giocatori debbono impegnarsi al massimo per vincere l’incontro a cui sta partecipando.

13. Condotta antisportiva. I giocatori in ogni momento debbono comportarsi in modo sporti- vamente corretto, evitando qualsiasi azione che sia contraria allo spirito sportivo o alla competi- zione o, in generale, al rispetto delle norme stabilite o al gioco corretto

14. Penalità – Tabella delle penalità. Per le infrazioni, durante lo svolgimento dell’incontro, di qualsiasi previsione sopra riportata, il Giudice arbitro della manifestazione applica le sanzioni indicate nella Tabella delle penalità riportata di seguito. Indipendentemente da ciò, gli organi della giusizia sportiva possono irrogare altre possibili sanzioni per lo stesso fatto, in applicazione delle previsioni del Regolamento di giustizia.

15. Tabella delle penalità:

a) prima infrazione: avvertimento;

b) seconda infrazione avvertimento con perdita del punto;

c) terza infrazione: avverimento con squalifica.

16. Le infrazioni commesse dai componenti della coppia e dal loro tecnico autorizato sono cu- mulabili.

17. Squalifica diretta. In caso di infrazione molto grave (aggressione fisica o verbale molto grave) il Giudice arbitro può disporre la squalifica immediata del giocatore o del tecnico che l’ha commessa. Se la squalifica colpisce un giocatore che sta giocando un incontro, l’incontro è perso ed il giocatore deve abbandonare la manifestazione. Se colpisce un tecnico, un capitano o un giocatore accreditati o iscritti alla competizione in corso, gli squalificati devono abbandonare la manifestazione.

Richiedi un preventivo per l'installazione di un campo da Padel

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'installazione di un campo da padel per il tuo centro sportivo,
la tua struttura alberghiera o la tua abitazione? Contattaci gratuitamente per avere tutti i dettagli!



I dati forniti nel presente form verranno usati esclusivamente per rispondere alle richieste e non saranno ceduti a terzi o usati per scopi commerciali.